Un filo di Perline - Aprosio & Co.
15561
page-template-default,page,page-id-15561,theme-bridge,qode-quick-links-1.0,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_top_fixed,paspartu_on_bottom_fixed,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-product-single-tabs-on-bottom,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_non_responsive

Un filo di Perline

di Francesca Joppolo

Un infinito filo di perline si snoda idealmente intorno a noi e ci avvolge di millenni di cultura, di fascino e di storie. Che diventi collana, bracciale, orecchino, spilla, cintura, borsetta perpetua la femminilità e portarlo è un’esperienza importante, profonda ed evocativa.
I maestri vetrai di Venezia e di Boemia, ed è suggestivo solo pensare che esistano, fanno inimitabili perline di vetro e di cristallo che diffondono in tutta Europa dalla seconda metà del Cinquecento quando la lavorazione delle piccole, lucenti sfere era un’arte riconosciuta. I gioielli erano talismani da tramandare di generazione in generazione anche perché le perline sono più belle se indossate e sfidano con eleganza l’ingiuria del tempo. Adorate fin dall’antichità, conobbero il massimo successo dai tempi della Regina Vittoria al 1920, decenni nei quali furono impiegate anche nell’arredamento.